Ucraina, Marco Travaglio: La no fly zone sarebbe la certezza matematica della terza guerra mondiale.

"La no fly zone comporterebbe l'invio di caccia e al primo impatto con i caccia russi saremmo in guerra. Sarebbe la certezza matematica della terza guerra mondiale" - Il direttore de Il Fatto Quotidiano è categorico sulla situazione in Ucraina,…
0
(0)

“La no fly zone comporterebbe l’invio di caccia e al primo impatto con i caccia russi saremmo in guerra. Sarebbe la certezza matematica della terza guerra mondiale” – Il direttore de Il Fatto Quotidiano è categorico sulla situazione in Ucraina, e quali possibili conseguenze se si attuassero dei mezzi coercitivi militari nei confronti della Russia. Ne sono consapevoli la Stessa Nato con gli Stati Uniti e l’Europa. Travaglio è contro l’invio di armi e ne spiega le ragioni attraverso le parole di due generali italiani, in particolare sulla legge che vieta l’invio di armi a paesi che non fanno parte di alleanze come la Nato, e cita l’esempio della Somalia che voleva armi per combattere l’Isis. Travaglio spiega cmq che personalmente non è contro l’invio delle armi in Ucraina, paese aggredito quindi autorizzato all’auto difesa, ma spiega anche che l’invio delle armi a un paese così palesemente in difficoltà contro una potenza mondiale come la Russia, possa solo allungare il conflitto e di conseguenza l’agonia del popolo ucraino. Non manca la stoccata sugli amici di Putin – “Quando gli amici di Putin si chiamavano Silvio Berlusconi nessuno si indignava eppure non era un uomo di pace” – In disaccordo il direttore de La Stampa Massimo Giannini, in nome della libertà di un popolo oppresso che ha il dovere di difendersi e che quindi andrebbe aiutato anche militarmente. Travaglio replica che “più passano i giorno e più andrà a vantaggio di Putin”, complice la sproporzione delle forze in campo – “Se qualcuno ci dicesse che quelle armi sono in grado di ribaltare i rapporti di forze e non di allungare un’agonia con una strage molto più grande, io sarei favorevolissimo” – ma spiega anche che quelli che vanno in televisione a parlare dell’ovvio, abbiano il coraggio di dire Si alla No Fly Zone, Si all’invio di caccia ma con la probabilità che scoppi il terzo conflitto mondiale, e chi sta dicendo No a queste opzioni, non sono i pacifisti ma i governi.

0 / 5. 0

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *